MOG 231 - trea - rete contratto

" Lorem ipsum dolor sit amet. "
HOMEPAGE
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit.
FACTORY
FACTORY
Title
Vai ai contenuti
                                   

  LA NOSTRA CONSULENZA

Perchè adottare il MOD 231


Adottare un Modello 231 aggiornato e completo è fondamentale per tutelare la propria struttura, si tratti di una società o di un’associazione, dalla responsabilità amministrativa degli enti. Il D.Lgs. 231/2001 ha introdotto all’interno del nostro ordinamento questo tipo di responsabilità in aggiunta alla responsabilità personale per reati penali commessi da persone fisiche nell’interesse o a vantaggio degli enti stessi e individua una serie di reati per i quali le società possono essere ritenute responsabili.
Le aziende che dimostreranno di aver attuato modelli di organizzazione, gestione e controllo idonei a prevenire i reati considerati, provando quindi che la commissione del reato non deriva da una propria “colpa organizzativa”, saranno ritenuti esenti dalle sanzioni.
Gli adempimenti andranno condotti tramite un’analisi preliminare capace di valutare i rischi relativi ai reati che possono far entrare in causa la responsabilità amministrativa degli enti. Occorrerà disporre il modello organizzativo in un’ottica più ampia di gestione dei rischi compliance.


Continua ad allungarsi l’elenco dei reati che possono far scattare la responsabilità amministrativa di enti, società e associazioni, nel caso in cui vengano commessi da persone con ruoli di vertice, dipendenti o anche semplici collaboratori. Quasi ogni anno, nuove voci hanno “arricchito” la lista iniziale (il cosiddetto catalogo) introdotta nel 2001 dal Dlgs 231.
E il 2019 non manca all’appello. Al reato di influenze illecite introdotto dalla legge anticorruzione seguiranno altre due new entry. Innanzitutto le frodi Iva: è in dirittura d’arrivo il disegno di legge che delega al Governo il compito di attuare la direttiva Ue 1371/2017 sul contrasto delle frodi che ledono gli interessi dell’Unione, aggiungendo tali reati al catalogo (approvato dalla Camera il Ddl è all’esame del Senato). Il termine per il recepimento è il 6 luglio.
Ma in arrivo ci sono anche le truffe nelle competizioni sportive e l’esercizio abusivo di giochi o scommesse.





 
L’intervento di consulenza si svolgerà presso l’azienda.

Verrà sviluppato un Modello di Organizzazione, gestione e controllo.
 
Le principali fasi del nostro intervento:
 
  • Valutazione preliminare sull’opportunità      di adozione del Modello;
  • Definizione del Modello di      Organizzazione, Gestione e Controllo;
  • Predisposizione del Codice Etico e      Comportamentale aziendale;
  • Stesura dei protocolli di prevenzione e      procedure Aziendali conformi ai principi del Modello in essere;
  • Individuazione e definizione del      Sistema Sanzionatorio da adottare nei confronti di chi non      rispetta le regole definite;
  • Istituzione dell’Organismo di Vigilanza (OdV);
  • Formazione      ed Informazione del personale in merito alle misure adottate per      prevenire la commissione di reati presupposto.
 
 
 
Piazza V.E. Orlano n. 38/A
90138 - PALERMO
Created with 3A
HOMEPAGE
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Donec commodo sapien et dapibus consequat. Phasellus a sagittis massa. Suspendisse potenti.
Duis non arcu venenatis, cursus ex.
Torna ai contenuti